Facciamolo a pezzi: cosa si nasconde davvero nel finto iPhone
2 min

Facciamolo a pezzi: cosa si nasconde davvero nel finto iPhone

Come tutti sanno un iPhone finto potrebbe essere scambiato con l’originale a prima vista, perché esternamente è simile. Ma all’interno i due modelli sono completamente diversi. Lo abbiamo quindi smontato per fare luce sulla questione.

Il tecnico Matthias Dobmann ha smontato l’iPhone X originale e il finto iPhone X per la rivista Swisscom. Dobmann è responsabile del supporto presso Mobiletouch SA dove ripara telefonini su licenza, inoltre lavora come consulente e formatore per Swisscom Repair Center. Nonostante la sua pluriennale esperienza, in tutti questi anni non ha mai visto un clone come questo. Il tecnico è rimasto stupefatto dalla versione fake, soprattutto per la cura nei dettagli, come il logo e le caratteristiche tecniche false (ad es. la memoria) riportate sulla confezione.

Dentro non c’è niente di quello che c’è scritto fuori

Come immaginavamo, il finto iPhone non soddisfa nessuna delle promesse: «la qualità del clone è decisamente inferiore rispetto all’originale», afferma Dobmann. Al posto del pregiato display OLED è installato un LCD, la cover non è in vetro ma in plastica: è evidente quindi che si è risparmiato molto sulla qualità dei materiali. Su diversi componenti non sono riportati i dati tecnici. Viene da chiedersi se si possa dare credito a quanto indicato sullo shop online e sulla confezione. È impossibile sapere con esattezza quanti megapixel offre la fotocamera, quali sono le prestazioni del processore e quale modello di Bluetooth è stato installato. Ma siamo sicuri che la memoria installata è decisamente inferiore a quella indicata. Si è risparmiato anche sulla manodopera. I collegamenti, ad esempio il cavo coassiale, sono saldati. Questo ovviamente rende più semplice il lavoro in fase di produzione ma rende difficili, se non impossibili, le riparazioni. A livello di software poi le hanno davvero sparate grosse. Sul dispositivo è installata la vecchia versione «Lollipop» di Android del 2014, mascherata per sembrare iOS.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*

Discussioni nella community