L’oro nascosto dello smartphone
2 min

L’oro nascosto dello smartphone

Rame, oro, litio: ogni smartphone è una miniera delle più disparate materie prime. Noi le mostriamo dove trovano applicazione.

Processore, altoparlante, display, batteria: i componenti di uno smartphone si elencano in uno schiocco di dita. Ma la vera domanda è: di quali materiali sono fatti? In fin dei conti un cellulare non è fatto solo di plastica, vetro e ceramica, ma racchiude in sé anche metalli pregiati quali l’oro e il rame, e alcune delle cosiddette terre rare, ovvero metalli dai nomi esotici quali il neodimio, il disprosio o l’ittrio, anche loro parte integrante di ogni smartphone. Le materie prime assolvono i compiti più svariati. Ecco alcuni esempi:

  • l’oro presenta un’elevata conduttività e resistenza alla corrosione, per questo viene impiegato principalmente su superfici di contatto soggette a elevate sollecitazioni. Ad esempio i contatti di una scheda SIM o di una batteria sono in lega d’oro e piccole quantità si riscontrano anche sul circuito stampato.
  • Il rame viene utilizzato per la sua ottima conduttività nel cablaggio e nei circuiti stampati.
  • Il palladio risulta necessario per le superfici di contatto tra i singoli componenti.
  • Il gallio è contenuto nei diodi luminosi (LED) e trova applicazione nella retroilluminazione del display e nella luce della fotocamera.
  • Il tantalio possiede un’elevata capacità elettrica ed è impiegato prevalentemente nei condensatori.
  • Le batterie degli smartphone alloggiano celle al litio che si contraddistinguono per una densità di energia particolarmente elevata e per un lungo ciclo di vita.

Grazie all’elevata densità di energia le batterie agli ioni di litio garantiscono, al contrario delle batterie tradizionali, una prestazione costante nell’intera fase di scaricamento, anche a seguito di un utilizzo di lunga data o di cicli di ricarica parziali.

Dove si trovano nello specifico queste e altre materie prime nello smartphone, lo mostra il nostro disegno esploso di un cellulare:

Fonti
Informationszentrum Mobilfunk e.V., Rohstoffe und Lebenszyklus eines Mobiltelefons, 2014

DW, Graue Energie im Alltag, 5.4.2018, https://www.dw.com/de/graue-energie-im-alltag/g-43253441, aggiornato al 31.10.2018

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*