Su per i monti – ma con la rete
5 min

Su per i monti – ma con la rete

Dove ho una buona ricezione con il cellulare?

La carta della copertura di rete Swisscom vi mostra in quali luoghi vi è una buona ricezione Swisscom.

La rete del futuro

Swisscom investe ogni anno nell’estensione della rete: in oltre 300 comuni la rete fissa viene modernizzata e la rete di telefonia mobile ottimizzata. Scoprite maggiori informazioni sulla rete Swisscom e la futura generazione di telefonia mobile 5G.

SnowDrawings: un modo di tifare insieme «sulla neve»

Sostenete gli atleti di Swiss-Ski ai CM di St. Moritz tracciando un messaggio da veri tifosi sulla neve. Partecipate e lasciate che sia un robot controllato tramite GPS a scrivere il vostro messaggio sulla neve.

Dominik Galliker (testo), 16 gennaio 2017

Sapete a che ora parte l’ultimo autobus a Wangs, nel Canton San Gallo? No? È grave! Lo è in particolare se vi trovate in un après-ski. Dopo la discesa dal Pizol si fila svelti nel caldo locale. E in men che non si dica si è perso l’ultimo autobus. Che fare? Non resta altro che una faticosa camminata con gli sci in spalla fino a Sargans. Un’esperienza poco piacevole (credeteci!). 

Ma non deve per forza finire così: la rete di telefonia mobile svizzera migliora costantemente. Proprio per evitare situazioni come questa a Wangs. E non da ultimo per aumentare la sicurezza. Così piano piano tutte le zone non coperte spariscono dalla cartina. E improvvisamente anche a Wangs funziona l’app delle FFS.

Quindi che ne dite di un’escursione invernale? Magari in una località in cui tempo fa non era ancora possibile utilizzare lo smartphone, ma ora avete accesso alla rete mobile grazie a una nuovissima antenna? Ecco cinque suggerimenti per la vostra gita.

 

1. Bivio, Passo dello Julier, Canton Grigioni

Ultima fermata: Bivio Posta. Scendendo dall’autopostale ci si trova al centro del paese, che spesso viene definito «La perla del Giulio».

Cosa offre questo posto? Parecchio. All’interno dell’area sciistica tutto è raggiungibile a piedi. Le piste partono dal paese e arrivano fino a oltre 2500 m s.l.m. Il tutto esposto al sole, e con una vista meravigliosa.

Tuttavia volendo si possono anche lasciare a casa sci e snowboard. Tra il passo dello Julier e il lago artificiale di Marmorera esistono un’infinità di sentieri invernali battuti ogni giorno. Una regione escursionistica che vale la pena visitare! Maggiori informazioni qui.

2. Derborence, Canton Vallese

Quello che un tempo fu testimone di una catastrofe ora è un luogo idilliaco. Nel XVIII secolo nella valle di Derborence si verificò un’immensa frana. Si distaccarono circa 50 milioni di metri cubi di pietra. Il lago di Derborence è un testimone ancora visibile della sciagura. La vista del laghetto di montagna circondato dagli imponenti monti Diablerets è un’esperienza naturale unica – in particolare d’inverno.

In questi paesaggi vi sono infinite possibilità per escursioni, anche se in caso di maltempo non tutte sono praticabili. Particolarmente adatto alle famiglie il percorso lungo il lago, una passeggiata di circa 40 minuti. E per gli escursionisti più esperti? Per loro c’è l’imbarazzo della scelta: dalla piccola camminata all’escursione giornaliera più impegnativa. Maggiori suggerimenti per il trekking qui.

3. Weisstannen, Canton San Gallo

Nel cuore della regione turistica di Heidiland troviamo il piccolo centro di Weisstannen. Qui i ritmi non sono affatto frenetici e non c’è molto traffico di transito. Vi troverete solamente foreste, cascate e alpeggi.

D’inverno Weisstannen, con le sue falesie gelate, attira soprattutto appassionati di arrampicata sul ghiaccio da tutta la Svizzera, sempre che il tempo collabori. Ma anche chi non ha con sé la piccozza sarà accontentato: escursioni invernali, gite con le racchette da neve, discese con la slitta: il tutto circondati da un paesaggio paradisiaco. È proprio il posto giusto per chi cerca un po’ di tranquillità. Maggiori informazioni su Weisstannen qui.

4. Betelberg, Lenk, Canton Berna

L’area sciistica di Adelboden-Lenk è una delle più belle di tutta la Svizzera. Ne fa parte il Betelberg, la montagna di Lenk, particolarmente adatto per famiglie (tariffe agevolate!) e principianti. Le piste sono larghe e ben battute, dei 42 chilometri complessivi 22 sono blu (quindi facili). Nel Kinderwelt di Stoss i bambini possono fare molte esperienze: imparare a sciare coi pirati, gli indiani e la piccola mascotte Snowli. Tuttavia l’area non è pubblica, ma vi si può accedere solo accompagnati da un maestro di sport invernali.

Abbiamo anche un altro consiglio da darvi: sul tracciato Skimovie di Swisscom potete cimentarvi come campioni di sci e far filmare la vostra discesa. Il video può essere visualizzato online poco dopo. Maggiori informazioni qui.

5. Vogorno e Lavertezzo, Val Verzasca, Canton Ticino

Vi trovate su un’altura con le racchette da neve, ammirate il panorama montuoso, e poi guardate giù verso la valle in direzione del Lago artificiale di Vogorno, sul Lago Maggiore. Che ve ne pare? Niente male? Allora vi consigliamo di trascorrere un giorno o un fine settimana a Vogorno o Lavertezzo, entrambi paesini della Val Verzasca. D’estate queste zone sono apprezzate per i meravigliosi corsi d’acqua, ma sono molto affascinanti anche d’inverno.

Dal fiabesco paesino di Lavertezzo ad esempio si diparte un itinerario che conduce a Sonogno. L’escursione di ben quattro ore segue il corso dell’impetuoso fiume color smeraldo, attraversando una natura meravigliosa. Oppure potete infilarvi le racchette da neve e camminare da Vogorno a Pozzo di Vogorno. La cima è difficile da raggiungere: già d’estate questo itinerario è prerogativa di escursionisti esperti. Ma non occorre salire molto per poter godere di una meravigliosa vista sulla valle. Maggiori informazioni qui.

A proposito: a Lavertezzo e Vogorno l’ultima autopostale parte circa alle ore 17.00. Non si sa mai!

Partecipate alla discussione

In quali situazioni la ricezione del cellulare è indispensabile per Lei?

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*

5 commenti

  1. A Carì la rete di Swisscom é praticamente assente nelle case e nella maggior parte delle piste di sci !
    Fate qualcosa per favore. Durante il Tour de Suisse nelle case la rete andava benissimo ma dal momento che hanno spento il container siamo tornati al niente.

    1. Cara Paola, siamo spiacenti, se la connessione a Carì è al di sotto delle vostre aspettative. Diversi fattori, come per esempio la topografia, possono influenzare la disponibilità della rete mobile. Contattando il nostro supporto tecnico al numero gratuito 0800800800 potrai ottenere informazioni dettagliate su eventuali piani di ampliamento. Cari saluti, Swisscom

      1. Buon giorno, grazie per la risposta :-/
        Ho chiamato il 0800800800 diverse volte ma a Swisscom sembra che Carì non importi nulla.
        Tante scuse del tipo licenze di costruzione con il cantone … limiti di potenza … eccetera eccetera.
        Durante il Tour de Suisse (dove tutto improvvisamente senza tanti problemi andava benissimo grazie a un container di Swisscom) abbiamo avuto speranze e tutti erano felici … poi alla fine della manifestazione hanno spento tutto lasciandoci di nuovo al nulla o quasi.
        Secondo me a Swisscom non vi é nessun interesse per Carì e per i suoi clienti sulle piste di sci. L’interesse era solo quello di non fare brutte figure di fronte alla stampa durante il Tour :-/ Questo é il messaggio che putroppo ne é uscito.
        Peccato .. ma io non mollo .. comunicatelo alla vostra pianificazione per favore .. prima che i vostri clienti passino alla concorrenza (che funziona anche sulla piste) 🙁
        Saluti 🙂

      2. Cara Paola, ti ringraziamo per il tuo feedback, che giriamo direttamente ai responsabili per l’ampliamento della rete mobile. Cari saluti, Swisscom

  2. Grazie Paola per la segnalazione, personalmente io ho già contattato Swisscom circa 2 anni fà dicendomi di rivolgersi al comune di Faido che dovrebbe fare la richiesta di potenziamento a Swisscom, speriamo ora che qualche cosa di concreto venga fatto.

Read now