Una presenza professionale in Internet in sole tre mosse
9 min

Una presenza professionale in Internet in sole tre mosse

 

Oggigiorno avere un proprio sito Internet è un requisito irrinunciabile per una PMI. Molti visitatori vogliono trovarvi informazioni su offerte e prezzi e, a seconda dell’attività, acquistare online. Tutto questo non solo al computer, ma anche su dispositivi mobili come smartphone e tablet.

Il presente articolo vi fornisce i principi da seguire per la creazione o per la ristrutturazione della vostra presenza nel web. Vi mostra anche come potete ottimizzare un sito Internet e cosa potete fare per essere rintracciati nell’enorme offerta presente in rete.

Direttamente alle singole tappe:

  1. Tappa: pianificare e realizzare il sito Internet
  2. Tappa: ottimizzare il sito Internet
  3. Tappa: marketing online per la presenza nel web

 

1. Tappa: pianificare e realizzare il sito Internet

Prima di sedervi al computer e iniziare a concretizzare le vostre idee, prendete un foglio di carta. In un brainstorming scrivete tutto ciò che vi viene in mente per il sito web pianificato. Questo foglio funge da base per le discussioni successive e per il concetto che descrive struttura, contenuto e configurazione del vostro sito Internet. La lista di controllo seguente può servirvi come modello di riferimento.

 

1.     Preparare i contenuti

Il sito Internet deve avere dei contenuti: testi, foto, illustrazioni, video. Se diverse persone collaborano alla creazione del vostro sito, potete definire subito anche i responsabili per i diversi contenuti scelti. A questo punto si passa ai seguenti compiti:

  • è disponibile un logo aziendale in una forma adatta al sito Internet, per esempio in formato PNG con sfondo trasparente?
  • avete una foto di copertina espressiva, che mostra ad esempio il locale del negozio, collaboratori al lavoro o una tipica scena del vostro lavoro? Se avete numerose foto utilizzabili che mostrano l’attività della vostra PMI, potete eventualmente ricorrere a una galleria immagini come foto di copertina;
  • avete già i testi per la pagina iniziale, per le descrizioni dei prodotti ecc., ad esempio in un prospetto?
  • i testi sono ancora attuali o dovete rielaborarli?
  • dietro ogni PMI ci sono delle persone. Presentate il team su una pagina dedicata inserendo anche i recapiti come e-mail e numero di telefono;
  • i video sono un buon richiamo e aumentano l’attenzione dei visitatori. Avete già dei filmati o dovete ancora crearli? Ne vale la pena?
  • avete abbastanza novità a scadenze regolari per creare un’apposita sezione News?
  • sulle pagine rilevanti c’è una «Call to Action», cioè un invito per i visitatori a eseguire un’azione («Ordinate subito!», «Contattateci!»)?

 

2.     Definire la struttura

La struttura descrive l’architettura di base, quindi le singole pagine e i relativi contenuti. Ponetevi le domande seguenti per elaborare una struttura adeguata:

Creare velocemente il proprio sito Internet con HomepageTool

Con HomepageTool di Swisscom potrete creare con pochi clic il vostro sito – o addirittura un negozio online – ottimizzato anche per la visualizzazione su smartphone. Prova ora gratis

  • quali informazioni devono trovare i visitatori? Pianificate ad esempio pagine per offerte, informazioni sui prodotti e servizi, referenze, novità, cataloghi, moduli di ordinazione ecc.;
  • mettetevi nei panni di un visitatore: cosa si aspetta di trovare e cosa cerca? Dove cerca nella navigazione?
  • dati importanti come informazioni di contatto, indirizzo, orari di apertura e simili vanno inseriti sulla pagina iniziale! Potete eventualmente ripetere queste informazioni in calce a ogni pagina;
  • prevedete un Colophon;
  • quando avete definito i contenuti, create una mappa del sito, cioè una rappresentazione gerarchica o un organigramma del vostro sito Internet.

 

3.     Realizzazione

Quando la struttura e i contenuti sono definiti, si passa alla realizzazione che comprende sia la creazione grafica, sia la realizzazione tecnica:

  • vi occupate personalmente della creazione grafica o la affidate a un web designer?
  • siete sicuri che il sito web vada bene anche sui dispostivi mobili (tablet, smartphone), ad esempio grazie a un responsive design che ottimizza automaticamente il layout alle dimensioni dello schermo?
  • come deve avvenire la realizzazione tecnica? Se state cercando uno «strumento per la creazione modulare di siti web» come HomepageTool di Swisscom o un CMS (Content Management System), in questo articolo trovate ulteriori informazioni; 
  • chi si occupa nella vostra PMI dei contenuti (aggiornamento di testi e immagini, correzione di errori di battitura e link sbagliati ecc.)? Uno strumento per la creazione modulare di siti web facile da usare è consigliabile per contenere il più possibile l’onere;
  • la vostra PMI ha un font istituzionale e come può essere utilizzato per il sito Internet?

 

2. Tappa: ottimizzare il sito Internet

Un sito web non è una cosa statica, ma richiede sempre adattamenti per soddisfare i clienti che cercano informazioni aggiornate. Vi sono due strumenti con i quali potete scoprire quali sezioni sono selezionate dai vostri visitatori e come questi ultimi si muovono sul sito Internet. Per il primo serve l’analisi delle visite al sito, per il secondo dovete ricorrere a testi dell’usabilità, che si possono svolgere in forma semplice anche senza conoscenze tecniche approfondite.

 

1. Analisi

I visitatori del vostro sito lasciano delle tracce. Ogni pagina richiamata viene registrata in un log file. Queste informazioni aiutano a seguire il comportamento dei visitatori: quanti visitatori? Quali sono le pagine più apprezzate? A che punto i visitatori hanno di nuovo lasciato il sito?

Per queste valutazioni vi serve un tool di analisi. Ci sono diverse possibilità:

  • Google Analytics: questo tool è gratuito e piuttosto semplice da integrare nel sito Internet. Tuttavia, i dati dei visitatori, anonimi, vengono salvati su server di Google negli USA. Se lavorate in un settore particolarmente sensibile, dovreste valutare se è una soluzione adatta alla protezione dei dati;
  • tool locali: talvolta anche i provider di hosting offrono un tool per l’analisi. Funziona nel centro di calcolo del provider; per i provider svizzeri non ci sono problemi dal punto di vista della tecnica della protezione dei dati. Alcuni strumenti per la creazione di siti web e CMS integrano direttamente gli strumenti di analisi. Se avete conoscenze tecniche, potete anche preparare personalmente un tool come il Piwik gratuito.

 

2. Usabilità

Ottimizzazione compresa in HomepageTool

HomepageTool di Swisscom non contiene solo strumenti di analisi, ma anche numerosi modelli che sono già ottimizzati per i motori di ricerca. Così potete concentrarvi pienamente sul contenuto. Prova ora gratis

Quante volte vi siete già arrabbiati a causa di un apparecchio o di un software dall’utilizzo complicato e non intuitivo? Assicuratevi che non succeda ai visitatori del vostro sito Internet! Questa facilità di utilizzo, o usability, ha un grande influsso sul «benessere» dei visitatori del vostro sito Internet e sul loro coinvolgimento. L’usabilità comprende da un lato la logica (trovo un’informazione dove mi aspetto di trovarla?) e dall’altro la creazione grafica.

Attorno all’usabilità è nata un’industria che cerca di scoprire con test impegnativi a che punto è un sito Internet e dove si possono apportare dei miglioramenti. Non c’è bisogno però che vi accolliate un grande onere (finanziario) per avere i primi indicazioni sul vostro sito. I metodi seguenti vi aiutano:

  • chiedete ai vostri clienti cosa piace del vostro sito Internet e cosa no. Ciò può avvenire con un colloquio personale o tramite un questionario;
  • fate test A/B con i vostri clienti: mostrate loro due varianti di configurazione e domandate quale preferiscono;
  • svolgete un test automatizzato, ad esempio tramite la pagina Usertesting.com in inglese. Una buona visione d’assieme sui diversi metodi di test è data dal sito tedesco «Onlinemarketing-Praxis»;
  • è anche interessante il «test dei cinque secondi» di UsabilityHub. Chiede alle persone cosa ricordano dopo cinque secondi e aiuta a definire le tematiche chiave e, soprattutto, a organizzarle.
     

3. Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)

Dovete strutturare il vostro sito Internet in modo che si possa trovare agevolmente tramite Google. Se avete un’impresa di pittura a Zurigo, cercando «Imbianchino Zurigo» o «Tinteggiare casa a prezzo conveniente» il vostro sito Internet dovrebbe apparire quanto più in alto possibile nell’elenco dei risultati. Questa ottimizzazione per i motori di ricerca, in breve SEO (Search Engine Optimization), è per così dire il Sacro Graal dell’ottimizzazione dei siti Internet. SEO ha il vantaggio di non dover investire denaro in pubblicità. Tuttavia, un’elevata rilevanza in Google & Co non si ottiene gratuitamente: servono tempo ed esperienza per ottimizzare sin dall’inizio un sito Internet. In questo articolo scoprite le cinque regole di base più importanti.

 

3. Tappa: marketing online per la presenza nel web 

Con SEO avete compiuto un passo importante affinché il vostro sito Internet sia trovato in Google. Ma così vi rivolgete solo ai potenziali clienti che stanno già cercando le vostre offerte. Se volete rendere noti i vostri servizi, dovreste commercializzarli attivamente su diversi canali. Un ruolo centrale in questo è svolto dai social network: quasi la metà della popolazione svizzera usa Facebook e per contatti di lavoro vi sono utili Xing e LinkedIn. L’elenco seguente riporta le misure che dovreste prendere in considerazione (ordinate per priorità):

 

Registrazione gratuita della ditta in Google

In questo modo siete elencati in tutti i servizi Google, in particolare anche su Google Maps. Vi rivolgete così ai potenziali clienti che cercano nelle vicinanze della vostra sede.

 

Pagina Facebook

HomepageTool è «social»

HomepageTool di Swisscom comprende anche i social media. Si possono collegare direttamente le mappe di Google Maps e condividere i post via Facebook e Twitter. Prova ora gratis

Con una pagina aziendale vi rivolgete direttamente all’utenza di questo social network, potete creare una «comunità di fan» e trasmettere informazioni. Una pagina Facebook gestita attivamente richiede dei contenuti. Come imbianchino, potreste ad esempio diffondere sulla vostra pagina Facebook dei consigli su come tinteggiare da soli, sulla scelta dei colori adatti ecc. Dovreste però investire tempo e conoscenze. Altrimenti, lasciate una semplice pagina con informazioni per contattarvi. Una pagina Facebook è inoltre il requisito per fare pubblicità su Facebook.

 

Pubblicità su Facebook

In virtù del grande numero di utenti e della diffusione mirata, con annunci su Facebook potete raggiungere in modo molto preciso la clientela desiderata. Ad esempio potete permettere di visualizzare la vostra pubblicità solo agli utenti che abitano nella vostra regione e hanno più di 30 anni.

 

Pubblicità nei motori di ricerca (SEA, Search Engine Advertising)

Con Google AdWords attivate banner pubblicitari nei risultati della ricerca. La pubblicità viene mostrata solo se si cerca con le parole chiave che avete definito per il vostro «piccolo annuncio». Per un rapporto ottimale tra onere finanziario e ricavo, dovreste pensare all’eventualità di collaborare con un’agenzia di online marketing.

 

Registrazioni aziendali su Xing e LinkedIn

Come persona dovreste essere presenti su questo network di business per creare e potenziare la vostra rete di conoscenze e allacciare contatti potenzialmente utili. Se pubblicate regolarmente nuove informazioni, potete anche creare una presentazione dell’azienda su queste due piattaforme.

 

 

L’essenziale per una presenza in Internet di successo è un procedimento mirato all’obiettivo. Se per ogni fase sapete chiaramente qual è l’obiettivo, l’investimento nel sito Internet vi sarà sicuramente utile.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*

Read now